"Chi lavora con le mani è un operaio, chi lo fa pure con il cervello è un artigiano, chi vi aggiunge il cuore è un artista." (Louis Nizer)



giovedì 15 gennaio 2009

Intrecci di stoffa

Ecco a cosa servivano le striscioline di tessuto del post precedente!
Ho finito il primo lavoretto, e anche se ne ho ancora due da terminare intanto vi faccio vedere questo.
E' nientepopodimeno che... un semplice sottopentola, che vi credevate? :P

Un modo diverso dal solito per usare gli scampoli di stoffa. Prima che mi sposassi ne avevo fatto uno con tante strisce di diversi colori e non mi era piaciuto l'effetto finale tipo "accozzaglia". Questa volta, quindi, ho provato a giocare sulla tinta unita ed una stoffa contrastante per dare movimento all'insieme.

Il procedimento è semplicissimo. Ritagliate sctriscioline di stoffa, di circa 2/3 cm di larghezza, a seconda del tessuto che usate e a quanto spessa volete la treccia. Cucite con qualche punto i capi di 3 strisce, quindi intrecciatele.

Per avere un'idea delle misure, molto variabili sempre a seconda del tessuto che usate, posso dirvi che per un tondo di 22 cm circa ci è voluta una treccia di più di 4 metri. Non è necessario ovviamente avere un pezzo di stoffa lunghissimo, basta cucire le strisce una dopo l'altra.

Per comodità potete anche iniziare ad arrotolarla e fissarla con ago e filo, con piccoli punti anche prima di avere tutta la treccia necessaria. Anzi, siccome è difficile stabilire la giusta lunghezza di cui avrete bisogno è proprio consigliabile fare così per vedere di volta in volta le dimensioni che raggiungete.

Come forse si nota dalla foto la seconda stoffa che ho utilizzato è di cotone leggero, fantasia, e l'effetto finale è molto differente rispetto alla maglina che è elastica e più consistente. Inoltre ha il pregio di sfilacciare molto meno e di arrotolarsi su se stessa risultando molto più ordinata.

Una volta terminato di cucire la treccia ho decorato il tutto con qualche fiocchetto intorno. Credo che faccia un bell'effetto a tavola con un tegame sopra :P

Un ultimo consiglio che posso darvi è di stare molto attenti a non tirare troppo la treccia quando la arrotolate, altrimenti il sottopentola, come si può vedere anche in quello che ho fatto io, non rimane poi perfettamente piatto.

Ecco quindi il risultato finale di questa prima piccola fatica :)

Nei prossimi giorni posterò anche gli altri lavoretti con la stessa tecnica.


Art. B

2 commenti:

Scarabocchio ha detto...

TUUUUUU
SEI
UN
GENIO
DI
INQUANTIFICABILE
VALORE!

Grande, grandissima idea, ottima realizzazione e armonia finale di grosso impatto visivo!

110 e lode! ;)

Saby ha detto...

eeeeeeesagerataaaaa
ihihhhi non l'ho neppure inventata io questa tecnica! Grazie per tutte queste belle parole! :)))