"Chi lavora con le mani è un operaio, chi lo fa pure con il cervello è un artigiano, chi vi aggiunge il cuore è un artista." (Louis Nizer)



venerdì 23 maggio 2008

24 maggio 1980

E' la data della mia prima comunione. E' un ricordo lontano, un po' sfuocato, sopravvissuto nonostante tutto, tra i ricordi, grazie alle foto. Come quella che ho postato qui accanto.
E una settimana fa, nella stessa Chiesa, sullo stesso altare, è stata la volta di mia figlia. Anno dopo anno, e capello bianco doop capello bianco, diventerò una donna di mezza età pure io. Non sembrerebbe possibile, come se ognuno avesse un corpo immutabile. Quando sei bambina non ti pare vero che un giorno potresti diventare "grande", e fare dei figli. cerchi di immaginarti e ti sembra una cosa lontanissima.
E poi un giorno di svegli e prepari i sacchettini con i confetti per la Prima Comunione di tua figlia. Ventotto anni fa preparavo i miei con mia mamma, dopo cena. Ero capace anche a 9 anni e mi divertivo allos tesso modo in cui mi sono divertita per questi, quindi è davvero qualcosa di innato? Conosco qualche mamma, che piuttosto di preparare sacchettini e lottare con fiocchetti e fiorellini nel tulle, preferirebbe donare un rene. Per fortuna si limita ad andare a comprarli già fatti in negozio, che mi pare una soluzione meno drastica!!
La decorazione della torta, praticamente una delle pochissime cose che abbiamo comprato per la festa, invece viene diritta dal negozio specializzato in articoli da party.
I sacchetti dei confetti sono di due colori. Non c'è una ragione profonda e meditata per questa scelta. Semplicemente i sacchettini arancioni pensavo non sarebbero bastati per tutti, dopo che ho esaurito il pezzo di cotone che avevo. Ora qualcuno ne è avanzato lo stesso, ma scommetto che se non avessi fatti pure quelli rosa probabilmente sarebbero stati troppo pochi. :P
Auguri alla mia bambina!! :)

1 commento:

Lea Sanders ha detto...

What a sweet first communion photo. =)

Lea
http://leasanders.wordpress.com